PROGETTI PER LE SCUOLE


Cari insegnanti, genitori e lettori,
in questa pagina troverete le nostre nuove proposte progettuali dedicate alle scuole d’infanzia, alla scuola primaria, alla media inferiore e superiore.
In queste pagine vi presentiamo i progetti per l’anno scolastico 2020-2021: questi approfondiscono l’educazione all'ambiente, l’integrazione culturale, l’arte ed il teatro, la vita emotiva e la mindfulness. Siamo convinti che apprezzerete l’impegno della Cooperativa La Venenta e che saprete sostenerci.

Le nostre proposte

SEMI DI CONSAPEVOLEZZA - mindfulness per le scuole

La pratica della consapevolezza o “presenza mentale” può diventare strumento educativo utile al contesto scolastico per insegnare agli studenti come ridurre lo stress, l’ansia, l’ostilità e come favorire il benessere, il senso di sicurezza, la capacità di autoregolazione, il riconoscimento e il controllo delle emozioni.

Sentirsi presenti e consapevoli nel “qui e ora” è essenziale per lo sviluppo dell’attenzione, delle abilità relazionali, della coscienza del proprio corpo e dei suoi segnali. Imparare a prestare attenzione e concentrarsi sul momento presente, influisce positivamente sull’apprendimento migliorando la “funzione esecutiva”: l’abilità di organizzare compiti, gestire il tempo, stabilire priorità e prendere decisioni.

Gli studenti possono trarre beneficio apprendendo come focalizzare l’attenzione, diventando meno reattivi e più comprensivi verso sé stessi e gli altri. Anche gli insegnanti possono trarre beneficio dalle tecniche di gestione e riduzione dello stress applicandole durante le ore di lezione, su sé stessi e i propri alunni.

Gli studenti, attraverso il movimento e il respiro, impareranno a essere maggiormente recettivi e consci del proprio corpo, sperimentando la sensazione di radicamento che richiama la presenza mentale e i benefici ad essa connessi. Saranno utilizzate tecniche corporee e di visualizzazione per favorire il rilassamento e il rilascio delle tensioni. Al termine di ogni incontro e sarà possibile verbalizzare o rappresentare graficamente il proprio vissuto in relazione all’esperienza fatta.

In accordo con gli insegnanti, potranno essere proposte brevi simulazioni delle tecniche utilizzate durante l’attività didattica.


DOCUMENTAZIONE CONTATTACI

EMOZIONI IN PALCOSCENICO


In un clima di accoglienza e comprensione, saranno svolti giochi e attività (tramite musica, movimenti, colori e drammatizzazione) che aiuteranno gli alunni a riconoscere e gestire le emozioni per sentirsi liberi di aprirsi, senza timore di essere giudicati.

Le attività proposte hanno il molteplice obiettivo di favorire il benessere degli studenti, infondere fiducia e sicurezza in sé e nell’altro, promuovere la coesione e la collaborazione all’interno della classe, favorire un clima positivo, stimolare l’attenzione, la concentrazione, l’apprendimento, la coordinazione e la creatività.

Le emozioni, una volta individuate e riconosciute, saranno le protagoniste delle narrazioni degli studenti e verranno drammatizzate al fine di permettere ai partecipanti di “raccontare una storia diversa”, ovvero trovare delle strategie per esprimere le emozioni in maniera costruttiva e adeguata al contesto, “mettersi nei panni” dell’altro, cambiare punto di vista e favorire l’empatia.

Le stesse emozioni potranno prendere corpo e voce attraverso il gesto grafico e l’esplorazione musicale così da permettere ad ogni alunno di trovare la modalità per sé più idonea.



DOCUMENTAZIONE   CONTATTACI

IL NIDO DELLE EMOZIONI


Musica, movimenti, colori e drammatizzazione sono i principali strumenti attraverso cui i bambini della scuola dell’infanzia impareranno a conoscere ed esprimere le emozioni racchiuse nel loro cuore.

In un clima di accoglienza e comprensione, saranno svolti giochi e attività che aiuteranno ad aumentare il benessere e rafforzare il desiderio di collaborazione.

I bambini, potendo sentirsi liberi di esternare ciò che pensano e sentono, senza timore di essere giudicati, lasceranno andare tensioni e sentimenti di ostilità, provando fiducia e sicurezza in e nell’altro.

Le emozioni verranno inizialmente richiamate attraverso canzoni e immagini divertenti; una volta riconosciute, diventeranno oggetto di drammatizzazione e ciascun bambino potrà scoprire come le emozioni “primarie” risuonano nel proprio corpo; potrà inoltre associarle a manifestazioni fisiche, espressioni del volto, gestualità e cambiamenti espressivi della voce.

Dopo aver individuando le situazioni in cui ogni bambino sperimenta le diverse emozioni, la narrazione e la drammatizzazione permetteranno di rappresentarle e di provare insieme ai bambini a “raccontare una storia diversa”. Trovare pertanto delle strategie per esprimere le emozioni in maniera costruttiva e adeguata al contesto, mettersi nei panni dell’altro cambiando il proprio punto di vista.

Le stesse emozioni potranno prendere corpo e voce attraverso il gesto grafico e l’esplorazione musicale così da permettere ad ogni bambino di trovare la modalità per sé più idonea.



DOCUMENTAZIONE   CONTATTACI

SIAMO L'ENERGIA


Il percorso progettuale porta la classe ad affrontare il rapporto uomo-energia in modo rapido, ma sistemico. È pensato per produrre una consapevolezza di fondo sulla quale si potrà poi costruire un numero infinito di esperienze successive. Il percorso di scoperta e di apprendimento è dedicato agli studenti, ma sorprenderà anche l’insegnante, perché molte delle informazioni contenute in questo percorso non sono facilmente reperibili diversamente.

Negli incontri gli studenti scopriranno, attraverso il ragionamento e alcune divertenti attività esperienziali, dove si nasconde e cosa muove l’energia che li circonda. Comprenderanno da dove arriva, come viene prodotta e come i “fili” della termodinamica colleghino ogni cosa attorno a noi.

Gli studenti si concentreranno sul concetto di Energia Grigia, scopriranno come è stato possibile costruire questo mondo pieno di oggetti, in cui ogni persona oggi dispone di ciò che, un tempo, solo un faraone o un grande sovrano potevano permettersi.

Gli studenti sono chiamati a riorganizzare le risorse disponibili in uno scenario in cui il petrolio è sempre meno abbondante, sempre più costoso e sempre meno utilizzabile a causa del suo impatto sul clima del pianeta. Devono destreggiarsi nella difficile arte della gestione delle risorse (rinnovabili e non) in un sistema chiuso, ragionando sulle possibili strategie da adottare e sui percorsi necessari per prendere le decisioni migliori.


DOCUMENTAZIONE CONTATTACI

A SCUOLA DI API

L’apicoltura permette fin da subito di apprendere come ogni creatura giochi il suo ruolo nel tenere in equilibrio un sistema. Per allevare le api bisogna imparare a interagire con loro rispettandone l’organizzazione e il modo di comunicare.

Gli incontri di apididattica vogliono introdurre i bambini in questo mondo complesso, ma essenziale per il nostro ecosistema.

Durante le attività, che possono prevedere la partecipazione di apicoltori, gli studenti possono scoprire cosa si cela all’interno di un alveare; la differenza tra ape operaia, ape regina e fuco; imparare come funziona l’impollinazione e quali sono le fasi del ciclo di vita di un’ape.

Il comportamento delle api inoltre è un esempio di come siano essenziali per la vita sociale, il lavoro di gruppo, il senso di responsabilità e la cooperazione. Ciò sarà illustrato agli studenti al fine di favorire la collaborazione in classe e il clima di reciproco aiuto, proprio come ogni ape fa all’interno del proprio alveare.

In base alla stagione, gli incontri possono essere organizzati nelle classi o presso l’apiario de La Venenta.


DOCUMENTAZIONE    CONTATTACI

CITTADINI DEL MONDO


La scuola è specchio della trasformazione della nostra società che da “italiana” sta diventando sempre più “multiculturale”. I cambiamenti spesso incutono timore poiché le conseguenze sono imprevedibili ed è così che molte persone provano sentimenti ambivalenti davanti al nuovo che nasce, al diverso che avanza, al senso di identità che muta. I sentimenti di spaesamento e alienazione sovrastano la curiosità e la voglia di conoscere l’inesplorato che dovrebbe caratterizzare quest’epoca storica.

Partendo proprio dagli studenti, dalla loro disarmante semplicità e purezza, possiamo educare la società a guardare con occhi nuovi il processo di trasformazione che sta avvenendo. In che modo? Raccontando, informando, testimoniando storie e vissuti, culture, tradizioni che vengono da lontano e che unendosi alle nostre possono dare vita a un terreno fertile di creatività, innovazione, mutuo sostegno, ricchezza, comprensione, apertura degli orizzonti del pensiero e del cuore.

Partendo dalla narrazione di storie vere raccontate dagli studenti (e dagli adulti che sono stati bambini) agli alunni, la classe verrà guidata in un viaggio multi esperienziale nelle diverse tradizioni culturali, intrecciando storie e sguardi, punti di vista, usanze e costumi: imparando così a guardare l’altro al di là dell’apparenza e del pregiudizio, chiedendosi cosa quell’apparente diversità cela di prezioso e raro.

Gli alunni della classe potranno infine creare la loro storia che li rappresenti come collettivo, mettendo in atto la creatività scaturita dal risveglio dell’interesse per il “diverso”: scopriranno come e siamo tutti parte di un tutto multiforme e meravigliosamente sempre diverso da sé stesso.


DOCUMENTAZIONE CONTATTACI
DONA